Beast Man – Masters Of The Universe

Proseguendo il mio progetto personale personale sui Masters of the Universe, ho cercato un’altro personaggio degli otto “nativi” dell’81 ed ho trovato Beast Man.

Beast Man è uno dei più fedeli servitori di Skeletor, ed è anche uno dei personaggi ad essere introdotti per primi nella linea di giocattoli dei Masters of the universe. Dotato di grande forza fisica, ma di scarsissima intelligenza, Beast Man è spesso vittima di soprusi o di prese in giro da parte di Skeletor e dei suoi compagni, e segretamente desidera di diventare lui il leader dei guerrieri diabolici. Per il resto degli episodi, la stupidità di Beast Man funge da elemento comico fra le file nemiche nella serie. Il suo potere maggiore è quello di controllare telepaticamente gli animali, e utilizzarli per attaccare i propri avversari. Tuttavia anche questo potere non è impeccabile, dato che, per esempio, Battle-Cat ne è immune. Un retroscena inaspettato sul passato di Beast Man viene menzionato nella guida della serie (anche se non viene mai citato nel cartone animato): Beast Man, un tempo, era un umano, di nome Biff Beastman, che fu assunto come tecnico nella spedizione spaziale, capitanata da Marlena, ma giunti su Eternia fu trasformato nel mostro che è da Skeletor. Si tratta di uno dei pochissimi antagonisti secondari della serie ad avere un ruolo consistente, a differenza degli altri personaggi che spariscono dopo poche apparizioni per permettere la promozione di quelli legati a nuove action figure.

solita tecnica che ho usato per Skeletor. Ho cercato di mantenermi sempre sul solito tipo di elaborazione grafica, anche se poi vedremo che più in la ho cambiato leggermente.

Beast Man
Beast Man

Skeletor – Masters Of The Universe

In cerca di un “progetto personale” da poter portare avanti per affinare la mia tecnica esplorando in maniera personale un universo già creato, con illustrazioni che riguardassero personaggi più o meno complessi, sono approdato sulle rive di Eternia ed ho trovato Skeletor.

Il primo personaggio col quale mi sono misurato è Skeletor. Acerrimo nemico di He-Man e antagonista principale dei MOTU (abbreviazione di Masters Of The Universe). Rappresenta la più grande minaccia ai giorni di Eternia. Cerca di conquistare il castello di Grayskull così che possa ottenere i segreti ed il potere lì custoditi, che lo abiliterebbero a conquistare l’intero pianeta. In origine era un alieno proveniente dal pianeta Infinita, abitato da suoi simili, in un minicomic successivo viene accennata la possibilità – mai confermata – che Skeletor possa essere il fratello scomparso del re di Eternia Randor, padre di Adam/He-Man. Inizialmente era un bizzarro stregone dalla pelle bluastra, dal torace scoperto e con un teschio incappucciato. Nella serie animata del 1990 il suo abito si fa più complesso, da stregone, ma a cambiare è soprattutto il volto, che si dota di occhi, passando da scheletrico ad incartapecorito. Nella serie animata del 2002 le sue fattezze tornano alle origini, con la precisazione che il teschio è gravitante sulle spalle. Anche la sua storia si completa, e si scopre che il suo vero nome è Keldor, e la ferita al volto se l’è procurata inavvertitamente da solo in uno scontro con i dominatori, poi sanata a costo di un altissimo prezzo da Hordak.

La tecnica è quella del bianco e nero, marker di varie misure su cartoncino A4.

Queso è il risultato

Il mio 2015 fra fumetti, mostre e collettivi.

Ok, per quanto possa sembrare stupido tirare le somme in fondo ad una anno, io trovo invece che sia interessante. Il mio 2015 si è aperto con una grossa crisi: la cooperativa sociale (ah ah) in cui lavoravo da sette anni come socio-lavoratore nel settore tipografico-grafico ha chiuso il comparto e ci ha sbattuti tutti in mezzo a una strada. Con tanti saluti. Questo ha comportato si un momento molto difficile, ma ha anche aperto una nuova opportunità, ho quindi aperto una partita iva ed insieme a mio fratello (licenziato come me – lavoravamo insieme) lo Studio NaCo23. Ci siamo rimboccati le maniche e siamo ripartiti da quasi zero. e posso dire che se è vero che la stabilità economica ne ha risentito, il tempo da dedicare alla famiglia è stato gestito in maniera diversa, più umana. Quindi è andata bene.

Ismaele
Ismaele

E’ stato anche l’anno di consolidamento dell’avventura a fumetti: non solo il nostro Ismaele (mio, di Luigi Chialvo e Francesco Segala) è andato e continua ad andare avanti, costringendomi a migliorare come disegnatore, ma ha anche trovato una nuova casa in seno a Webcomics.it. Ho trovato nuovi collaboratori, come Marco Della Verde, col quale stiamo progettando una cosa che per ora NON SI DICE, ma che fra poco spero di potervi raccontare. Sono entrato a far parte del collettivo di fumetti Crossover Gangbang, ed ho esordito sotto la loro bandiera con un racconto di natale scritto e disegnato da me: il(logic) ed un altro che sarà on line a breve, sempre si verticismi, in coppia con Marco Della Verde.

Immagini dalla mostra a Castiglioncello

Ecco una gallery di immagini direttamente dalla mostra alla torre medicea di Castiglioncello (in cui potrete trovare l’esperimento analogico – live di Incubo n°1, ma anche un quaderno contenenete gli originali delle tavole di Ismaele, la lampada a teschio “Skulllight” e la “Maschera del gufo”, entrambe sculture di cartone).

Certo, magari non rende appieno la splendida location e la varietà di artisti proposti (ho fotografato solo le mie cose), ma magari incuriosirà chi ha possibilità di venire, e soddisferà un pochino chi invece non ha questa opportunità.

Stampa su carta di un disegno molto "Basquiattiano". 2012/2013 50 x 70
“King for today” Stampa su carta di un disegno molto “Basquiattiano”.
2012/2013
50 x 70