Della Transustantazione (Divagazioni sull’Arte Contemporanea due)

Share

Seconda puntata su cultartes.com delle mie Divagazioni sull’arte contemporanea. Qui di seguito il testo in italiano, e sotto il link per l’originale in inglese.

Divagazioni sull’Arte Contemporanea

di Pietro Rotelli

Parte Seconda: Della Transustantazione

Loggetto come oggetto e loggetto come metafora, come rappresentazione, come pretesto, come sublimazione.

Una volta era semplice: per rappresentare un vaso, scolpivi o dipingevi un vaso. Semplice, lineare, quasi imbarazzante nella sua coerenza rappresentativa.

Per rappresentare una fontana, dipingevi una fontana, che significava una fontana.

Cosa direste se io prendessi un orinale, lo capovolgessi, lo mettessi in mezzo ad una sala bene illuminato e lo chiamassi Fontana? Strabiliante, vero? Ho preso un oggetto e lho fatto divenire altro. Magia? No, è il primo dogma dellarte contemporanea, la transustantazione.

Secondo questa dottrina, la sostanza di un oggetto si trasforma, attraverso un atto di fede o un miracolo. Ciò che vediamo non è ciò che crediamo di vedere, è qualcosa di diverso, qualcosa che non è evidente alla presenza fisica o materiale, dal momento che la sua sostanza è cambiata. È invisibile ad occhio nudo. Per farla esistere, è necessario credere nella sua trasformazione.

La transustanziazione si basa sui due dogmi secondari di concetto e di infallibilità. In primo luogo, la dottrina del concetto. Quando Marcel Duchamp ha rivendicato la responsabilità per lorinatoio come opera darte, nel 1917, nel suo testo firmato R. Mutt, ha detto testualmente:

Che Richard Mutt abbia fatto o meno la fontana con le proprie mani non importa, lui ha scelto. Ha preso un articolo ordinario della vita, collocandolo in modo che il suo significato originario scomparisse sotto il nuovo titolo ed il nuovo punto di vista, ha creato un nuovo pensiero per quelloggetto.

E questa nuova idea, questo concetto, che ha trasformato in fontana lorinatoio, e quindi in opera darte. Lorinatoio in quanto tale non si è mosso di un millimetro, sembra sempre lo stesso ed è quello che è, un oggetto prefabbricato comunemente usato, ma il volere di Duchamp ha dato luogo alla sua metamorfosi religiosa.

Fate attenzione: il discorso qui sopra gioca qui un ruolo cruciale: il cambiamento non è visibile, il cambiamento è annunciato. Così come fa il prete con lostia , verbalizzare questa trasformazione è essenziale per la sua effettiva attuazione nella mente di chi guarda.

Eovviamente richiesto un atto di fede. Non ci viene chiesto di dare un significato a ciò che vediamo (come potrebbe avvenire per un quadro informale), ci viene detto cosa in realtà è. Ci viene chiesto di affidarsi al dogma della sua transustanziazione e di accettarlo senza metterlo in discussione.

Se il pubblico dice che la detta direzione è assente (non è una fontana, ma un pisciatoio!), è lui che si sbaglia, perchè lartista, il curatore ed il critico hanno una cultura, una sensibilità particolare, metafisica e demiurgica che consentono loro di vedere ciò che al volgo non è ovvio ne tangibile.

I valori nozionali del lavoro sono inconfutabili e infallibili.

E perché decidiamo di credere? Perché laccesso a questa verità ci rende superiori: questo da un valore a ciò che non lo ha , ma anche uno status intellettuale a coloro che sono coinvolti nel miracolo.

In questo processo ha molta importanza il modo con cui la descrizione, o il titolo, innescano il meccanismo mentale della transustanziazione.

Hirst infila squalo tigre di oltre 4 metri in formaldeide dentro una vetrina. Ok, è un lavoro di tassidermia, nepiù nemeno del gufetto impagliato sul camino del nonno.

ok, e perché è valutato 12 milioni di dollari?

Attenzione al titolo:

The Physical Impossibility Of Death In the Mind Of Someone Living

(ovvero, L’impossibilità fisica della morte nella mente di un vivo).

Ecco che non è più un animale imbalsamato, ma unopera darte costosissima e ambitissima.

(la curiosità è che avendo sbagliato – pare – la composizione della formaldeide, lo squalo si stava deteriorando. Nessun problema, apriamo tutto e sostituiamo lo squalo. Nessuno scandalo, nessun sacrilegio. Daltronde non è lo squalo in se lopera, ma il concetto espresso.)

ART ATTAK:

per divertirci potremmo fare un bel gioco artistico: prendete la prima cosa che avete sotto mano o comunque qualcosa di comune, fotografatelo con lo smartphone e dargli un titolo che crei la magia. E postatelo qui nei commentivedrete, potrebbe essere divertente.

Lo trovate qui nella sua versione inglese.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.